FAQ - varie - News
varie : FAQ
on 2014/12/22 23:20:00 (626 reads)

FAQ

Frequently
Asked Question

1. Perché rivolgersi ad un
consulente?

Una delle grande novità delle direttive Nuovo Approccio è la
definizione delle responsabilità del fabbricante. Lo scopo di darne
una definizione è fornire una chiara identificazione di questa figura
rispetto al mercato e alle autorità di controllo: questo prodotto Z
è di Mister Y, non più dell'inafferrabile Mister X!

Il fabbricante marcando CE il suo prodotto si assume di fronte alla
collettività la responsabilità di avere introdotto sul mercato un
prodotto che oltre a fare ciò che deve fare (e questo sarà giudicato
dal mercato), lo fa' in modo sicuro nel più ampio significato del
termine. La firma in calce alla dichiarazione di conformità è
l'espressione finale di questa responsabilità.



    • Allora avrò fatto tutto giusto?

    • Le soluzioni che ho adottato sono attuali?

    • È uscito qualche nuovo aggiornamento?

    • Il mio prodotto rientra in qualche categoria particolare per cui
      dovrei adottare un certo tipo di soluzioni o procedure?



È la stessa cosa che può chiedere anche firmando la dichiarazione
dei redditi: ecco che tutti ci rivolgiamo ad consulente fiscale (il
commercialista), perché se è vero che sappiamo gestire fatture e
contabilità e magari compilare l'Unico non si è mai certi di novità
e interpretazioni: lo scopo di un professionista è di essere
aggiornato su novità e tutte le interpretazioni (meglio ancora se fa
solo quello!). Così il consulente per la sicurezza non solo sa quali
sono le ultime norme pubblicate, ma conosce anche le interpretazioni
date nel corso degli anni non solo da varie autorità e enti, ma anche
la direzione presa dal mercato per quel prodotto, ciò che gli
anglofili chiamano "status of art". Quindi il consulente
informa e aggiorna la struttura produttiva e progettuale alle nuove
regole di sicurezza del mercato.

Un consulente che ha per unico lavoro la sicurezza e la sua documentazione.

2. Chi certifica il mio prodotto?

Il fabbricante è sempre il solo responsabile della marcatura CE
del prodotto: la firma in calce alla Dichiarazione di CE conformità
è l'espressione finale di questa responsabilità. Tuttavia come in
ogni settore (fiscale, responsabilità del datore di lavoro secondo la
626) si può avvalere di esperti, dentro o fuori l'azienda. La
direttiva macchine non impone "certificazioni", intese come
passaggio da un organismo terzo che rilascia un certificato al termine
di una procedura di verifica , salvo alcune particolari categorie di
macchine pericolose note come macchine in Allegato IV, dal nome del
documento che ne contiene l'elenco.

Se volete essere certi di



    • aver adottato le giuste soluzioni di sicurezza

    • aver raccolto tutta la documentazione interna e dei fornitori

    • aver preparato un manuale di istruzioni in conformità

    • aver redatto una corretta Dichiarazione CE di Conformità



Allora potete rivolgervi ad uno specialista: un consulente
che ha per unico lavoro la sicurezza e la sua documentazione.

Printer Friendly Page Send this Story to a Friend Create a PDF from the article